Ufficio Turistico e Sede
Via Confalonieri, 2/A
Ballabio (LC)
Tel e Fax +39 0341 530601
E-mail: segreteria@prolocoballabio.it
Dopo la metà del secolo XIX sono state costruite ed entrate in funzione, una dozzina di casere in Ballabio. Casere per la stagionatura di formaggi sistemati in cantina a parecchi metri sotto terra e utilizzo del ghiaccio per la loro conservazione nel periodo estivo.

Perché ci si renda conto dell'ampiezza delle attività di stagionatura si elencano, con buona attendibilità, l'ubicazione delle casere con inizio dall'ingresso del paese (provenienza Lecco) e poi, via via, salendo:
. Via Provinciale 6 (presso l'attuale agenzia immobiliare);
. Via Mazzini 82 (presso l'attuale condominio Casere);
. Via Mazzini 28 (Sede Galbani);
. Via Provinciale 62 (ex Romanin);
. Via Provinciale 74 (una delle più grosse, poi Colonia FF.S.);
. Via Provinciale 49 e 53 (la prima completamente trasformata in condominio; nella seconda vi sono edifici uso abitazione);
. Via Provinciale 88 (già distributore di benzina);
. Via Provinciale 108 (attualmente un capannone; ex casera del Vento);
. Via Provinciale 97 (in Balisio; imponente casera con dimora padronale ora negozio vendita alimentari);
. Via Provinciale 109/111 (in Balisio; grande complesso di diverse casere in parte trasformate ad uso commerciale o abitazione);
. Via Roma 40 e 21 (una dirimpetto all'altra).
Le casere erano per la maggior parte grandi o molto grandi costruzioni, assai robuste (tra un piano e l'altro vi erano putrelle d'acciaio) per sostenere il grosso peso dei formaggi, con due o massimo tre piani emergenti e almeno due sotterranei; la funzione di queste due parti risiedeva nel fatto che la costruzione emergente era utilizzata per la stagionatura nei mesi freddi o stagioni di mezzo; la parte interrata serviva per i mesi caldi, al fine di non creare danni ai formaggi.

Per quest'ultimo preciso scopo si utilizzavano tonnellate (sì!) di ghiaccio che veniva scaricato negli "inferi" delle casere (da apposite finestrelle raso terra) e poi coperto di "pula" o "lolla" (la polvere o scarto del fieno, onde ridurre la possibilità di scioglimento del ghiaccio). Ovviamente i taleggi e più ancora il gorgonzola andavano lavorati e cioè si doveva - a ciclo continuo - girarli e salarli con l'avvertenza che il gorgonzola, formaggio ben più qualificato, esigeva anche la perforazione (operazione delicata) con grosso ago di rame onde consentire il formarsi del caratteristico "verde" (che altro non è che una muffa penicillinea).
Ma se tutto è abbastanza chiaro, chi forniva invece le tonnellate di ghiaccio? C'era allora una fabbrica in zona? No, era la natura che riforniva quella preziosa materia fredda. Infatti quasi ogni casera aveva al proprio esterno uno o due laghetti. Grandi vasche in cemento, con lati uguali di circa 20 metri, con profondità non superiore ai 70 - 80 centimetri. Nel periodo "non sotto zero" termico si presentavano come graziose vasche, qualche volta con ranocchi e/o pesci al loro interno; d'estate i ragazzi giocavano anche attorno per rinfrescarsi.

D'inverno, invece, i laghetti erano motivo di grosso movimento e di lavoro: allorché lo strato superficiale diveniva ghiaccio, con spessore attorno ai 5 - 6 centimetri, gli operatori del formaggio si avvicinavano, lo frantumavano a mazzate, lo imbragavano con ganci, lo caricavano su appositi carri a bilancia (trainati da cavalli) e lo scaricavano nel profondo delle casere per l'estate successiva. E così, in continuazione, ad ogni formarsi di crosta ghiaccia. E più l'inverno era freddo e più materia prima, sommamente indispensabile, si immagazzinava nelle pance delle casere. Ben ammassato e protetto con una copertura di pula o anche foglie secche di bosco, là restava per 8 o 9 mesi con funzione di rinfrescante nei mesi caldi.

Quella era arte, arte manuale che si trasformava nelle squisitezze casearie per le quali Ballabio in primis e la Valsassina poi, sono noti e apprezzati.

Ancora oggi possiamo osservare la classica architettura delle casere, in Via Roma 40 e 21 (pur nelle loro modificazioni interne); quanto ai laghetti, proprio davanti al Ristorante Gera si può osservare un piazzale adibito a deposito macchine; era un laghetto.